Sfoglia le schede delle barche in esposizione

1° CLASSIC BOAT SHOW, LA NAUTICA D’EPOCA AL MARINA GENOVA

Tre giorni all’insegna delle barche d’epoca, classiche e tradizionali all’interno di uno dei più importanti porti turistici del Mediterraneo. Dal 19 al 21 maggio 2023, contestualmente alla quindicesima edizione di Yacht&Garden, la mostra-mercato di fiori e piante del giardino mediterraneo, il Marina Genova ospiterà la prima edizione del Classic Boat Show. Un’imperdibile occasione per scoprire il mondo dello yachting classico e le imbarcazioni che lo animano, sia a vela che a motore. Chiunque, previa accettazione da parte del comitato organizzatore, potrà ormeggiare la propria imbarcazione d’epoca o classica e renderla disponibile alle visite ai fini della vendita, del noleggio o per condividere questa passione con altri cultori del settore. Le imbarcazioni di più piccole dimensioni (derive a vela classiche e in legno, motoscafi, runabout, canoe, lance a remi, gozzi, skiff da canottaggio, ecc.) troveranno collocazione a terra anche su carrello stradale favorendo l’incontro tra la domanda e l’offerta.

LA FLOTTA, DALLE ULTRACENTENARIE AI “MODERN CLASSIC”

Tra le “regine” di questo 1° Classic Boat Show figura certamente Barbara, yawl bermudiano lungo 18 metri varato nel 1923 dal cantiere inglese Camper & Nicholsons che proprio a Genova festeggia l’importante compleanno dei suoi primi 100 anni di vita sul mare. Questa imbarcazione è rinata dopo un restauro eseguito dal cantiere viareggino Del Carlo, anche autore del refitting del ketch aurico Tirrenia II del 1914 presente alla manifestazione.

Barbara

Non mancherà la goletta a gabbiole Pandora del 1994, lunga 29 metri, replica in legno di un antico postale dell’Ottocento, già impiegata come set galleggiante per numerosi film e produzioni televisive tra i quali “Elisa di Rivombrosa” e “I leoni di Sicilia”.

Goletta Pandora – Foto P. Maccione

In banchina anche Brick II del 1954, Coppelia del 1951, Jalina del 1946, i Sangermani Tulli del 1960 e il 24 metri Paulena del 1966, a disposizione per crociere charter, la goletta aurica Amore Mio del 1964, Greylag del 1932, il plurivittorioso One Tonner Ojalà II che compie mezzo secolo dal varo e i motoryacht Glemhat di 15 metri e Sally, un modello Burger 60 lungo 20 metri.

Greylag (1932) – Foto P. Maccione

Grande curiosità per Coffee, sloop bermudiano lungo 9 metri appena varato. In questa barca, concepita e autocostruita in triplo fasciame incrociato di mogano da un architetto parmigiano, sono concentrate interessanti soluzioni progettuali che non mancheranno di destare ammirazione.

LO STORICO ‘GRIFONE’ DELLA MARINA MILITARE COMPIE 60 ANNI

Anche la Marina Militare onorerà la prima edizione del Classic Boat Show portando a Genova tre barche storiche adibite all’insegnamento velico degli allievi. La più importante è Grifone, il classe 5.50 Metri S.I. (Stazza Internazionale) costruito in Svezia nel 1963 che festeggia 60 anni dal varo. La barca si è piazzata quarta alle Olimpiadi di Tokyo nel 1964 ed è stata Campione del Mondo a Napoli nel 1965.

Grifone

Indimenticato l’equipaggio dell’epoca, composto dal futuro Ammiraglio ed eroe della vela italiana Agostino Straulino, oro olimpico nella classe Star a Helsinki nel 1952, Massimo Minervini e Bruno Petronio. Innumerevoli gli ufficiali di Marina formatisi a bordo del Sangermani Stella Polare del 1965, yawl bermudiano lungo 21 metri, mentre Penelope è invece un classe “Palinodie” del 1965, barca progettata dagli statunitensi Sparkman & Stephens e costruita presso l’Arsenale della Marina Militare della Spezia insieme alle gemelle Nausicaa, Calypso e Galatea. Nel 2013 è stata restaurata dal Cantiere Navale Del Giudice di Caprera e quest’anno è stato completato il rifacimento della coperta.

NODI E MANOVRE A BORDO DELLA “YOLE DI BANTRY”

Kinder Boat è l’iniziativa che prevede l’insegnamento di nodi e manovre marinaresche a bordo della Yole di Bantry “Creuza de mä”, replica lunga circa 12 metri di un’antica lancia a remi e a vela del Settecento ispiratrice di un programma educativo, nato nel 1984 e denominato Atlantic Challenge, dedicato alla formazione marinaresca dei giovani. Una vera e propria piccola ‘nave scuola’, che può ospitare fino a 10 vogatori e issare tre vele, di cui esistono oltre 50 repliche nel mondo che ogni due anni si sfidano in occasione del Contest of Seamanship. La genovese “Creuza de mä”, fortemente voluta anche dallo Yacht Club Italiano di Genova e realizzata interamente in legno grazie a una sottoscrizione popolare, è stata varata nel 2004 e rappresenta l’associazione Atlantic Challenge Genova, fondata due anni prima.

Creuza de mä

ARTISTI, PITTORI E MODELLISTI, LE MOSTRE E LE LAVORAZIONI ARTIGIANALI

Al 1° Classic Boat Show non mancheranno artisti, pittori e artigiani legati al mondo della marineria tradizionale, a cominciare dalla pittrice acquerellista genovese Emanuela Tenti, divenuta nel corso degli anni un punto di riferimento per numerosi armatori ai quali ha immortalato la loro barca d’epoca. L’artista spezzina Silvia Scarpellini, titolare dello Studio d’Arte Sbalzidimare, sarà invece protagonista di dimostrazioni dal vivo su come realizzare soggetti “a sbalzo” su sottili lastre di rame che creano un suggestivo effetto tridimensionale. La “Mastra Feltraia” Romina Dogliani e Lucia Pozzo, scrittrice e Comandante della vela storica Tirrenia II, effettueranno pubbliche dimostrazioni sulla lavorazione del feltro, sia nell’ambito nautico che del gardening. Il mare, le sirene e i pesci volanti su tavole, sculture e tele saranno i soggetti protagonisti della Mostra “L’Acquario delle Meraviglie” di Salvatore Bonajuto, poliedrico artista catanese.

I MODELLI NAVALI, LA FOTOGRAFIA E LA MUSICA

Alcuni affascinanti modelli navali di grandi dimensioni, dai velieri alle barche da regata, saranno esposti all’interno del Sea Pavilion, la tensostruttura in banchina dedicata agli eventi. Il padiglione ospiterà anche gli incontri “Le lune del legno” con il carpentiere Mikel Leyun Perez curato dalla FIBaS (Federazione Italiana Barche Storiche), Liguria: il paesaggio racconta a cura del Garden Club di Genova e il concerto Canti di sirene ed altri suoni magici del Conservatorio Niccolò Paganini. Dimostrazioni di Yacht Flower Design saranno inoltre realizzate dall’Ente Decorazione Floreale per Amatori. La fotografia naturalistica su Le foreste sommerse del Mar Ligure e le immagini di Federico Betti dal titolo Fiori sott’acqua: il fragile fascino degli antozoiappassioneranno il pubblico interessato a questo settore. A questi si aggiungono il concerto delle voci bianche del Teatro Carlo Felice, lo spettacolo di danza della scuola di danza a.s.d. “Nuova Alacritas”, il teatro itinerante per i bambini, i corsi di giardinaggio di vivaisti specializzati, le aree food e relax.